L’Equinozio di primavera al Chichén Itzá

20 marzo 2016

Uno spettacolo legato alla tradizione in Messico è osservare l’equinozio di primavera al Chichén Itzà, nello Yucatan, una delle più potenti città all’epoca dei Maya. Qui si trova “El Castillo“, conosciuto anche come Piramide di Kukulcán dove, due volte l’anno, in occasione dell’equinozio di primavera e d’estate, un gioco di luci e ombre crea la forma di un serpente ondeggiante, che striscia per connettersi con la scultura dalla testa a forma di serpente, posizionata alla base della piramide.

I libri di Eventrip



I Maya consideravano quest’evento una manifestazione del dio serpente pennuto Kukulcán. La struttura sembra infatti essere allineata ad un asse astronomico. Ognuna delle quattro scalinate della piramide ha 91 scalini (pari al numero di giorni compresi tra un solstizio e un equinozio) che, sommati a quelli in cima, danno come numero totale 365, come i giorni di un anno.
Se all’epoca Maya questo strumento serviva a segnalare la stagione della semina e del raccolto, migliaia di persone adesso si danno appuntamento a Chichén Itzá in occasione dell’equinozio solo per guardare, in silenzio, questo spettacolo. Molti di coloro i quali credono nella portata spirituale dell’evento approfittano dell’occasione per fare meditazione yoga.

VOLA IN MESSICO

© RIPRODUZIONE RISERVATA